[Anteprima Clip] Adelasia – Umido

Siamo orgogliosi di presentarvi in anteprima “Umido” il primo singolo di Adelasia, nuova scommessa dell’etichetta romana Sbaglio Dischi.

Umido è scrivere righe bianche senza senso per dare sfogo alle proprie paure. E’ un flusso di pensieri su cose che non possono essere cambiate, che sono come grandi buchi neri.

“Ho scritto righe bianche, su buchi neri”

Adelasia, “Umido”

Guarda qui in anteprima il videoclip ufficale di “Umido”, primo singolo di Adelasia

Fin dal primo ascolto Adelasia, classe ’95, ci ha disarmati. La sua forza poetica unita all’incanto di una voce delicata e a tratti commovente non ha nulla da invidiare alle grandi cantautrici del nostro paese. Stiamo ascoltando “Umido” da qualche giorno e abbiamo deciso di fare qualche domanda all’autrice così da farvela conosce meglio.

Come nasce il progetto Adelasia? Quando hai cominciato a fare musica?

Il progetto è nato ad aprile del 2018, da due anni studiavo chitarra, da uno prendevo lezioni di canto e avevo iniziato a scrivere per divertirmi ed unire le due cose. Dopo aver conosciuto i ragazzi di Sbaglio Dischi una sera gli ho fatto ascoltare uno dei pezzi che avevo scritto, a loro è piaciuto e da li è iniziato tutto

Come nasce invece questo tuo primo singolo?

Una notte non riuscivo a dormire, ero assillata da pensieri negativi. ho preso il telefono e ho registrato un memo vocale in cui, canticchiando una melodia, descrivevo quello che sentivo. Il giorno dopo ho riascoltato l’audio ed era venuta fuori una canzonetta carina. Ci ho lavorato, ho cominciato a dare un senso al flusso di pensieri ed è nato Umido, il primo singolo.

Cosa influenza di più le tue canzoni? Musica, letteratura, cinema o vita personale?

Per le tematiche piu di ogni altra cosa sono influenzata dalla vita personale, non solo mia ma anche storie di vita di altri. Per le immagini invece cerco di prendere spunto dalla poesia, di cui mi piace la capacità di evocare con semplicità qualcosa di nascosto

Quale è stato l’album che hai ascoltato di più nel 2018?

Senza dubbio Masterpiece dei Big Thief. È un album del 2016 che ho scoperto solo quest’ anno e l’ho consumato: ogni traccia è diversa ma perfetta. Un disco variegato in cui la costante è la malinconia. Invece un disco uscito nel 2018 che ho ascoltato moltissimo nonostante sia uscito a ottobre è Bröl di Angèle, una cantautrice belga giovanissima e molto attuale negli arrangiamenti e nei testi.

Con chi vorresti duettare in futuro?

Sogno di una vita: duettare con Justin Vernon de i Bon Iver

Credits “Umido”:
Testo e musica di Adelasia Lazzari
Prodotto da Pietro Foglietti
Mix e voci di Nicola D’Amati presso Il Merlo Studio
Master di Filippo Barbieri
Ringraziamenti: Filippo Barracco, Francesco Sposato, Giaime Lazzari, Chiara Monaldi
Artwork: Marco Casini
Credits videoclip:
Video di Ilaria Ieie e Cristiano Pedrocco
Grafiche di Marco Casini
Segui Adelasia su:
Facebook / Instagram

2 Comments

  1. Gianluca 10/01/2019 at 11:11 am

    Bravissima Adelasia, ottimo pezzo con un testo intenso ed una voce soffusa che racchiude un mondo fatto di dolcezza, rabbia e malinconia.


  2. Mario Domenico Miano 11/01/2019 at 10:00 am

    Complimenti a LeRane perché ha fatto uno strike next big thing. Adelasia ha fatto una canzone che usa i suoni del momento ma con un’autorevolezza della voce, con parole stupende e con una imprevedibilità che sfocia in un finale che cambia registro per poi ritornare “umido”. Davvero una voce arrapante come quella di Mèsa, in Italia abbiamo la migliore musica al mondo al momento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *