Tag

vasco rossi

francesco savini maratoneti

Francesco Savini – Maratoneti [Anteprima Clip]

Francesco Savini è un cantautore abruzzese classe 1996. A quattordici anni inizia a scrivere canzoni ispirandosi ai grandi del rock internazionale. Poi si innamora della musica italiana grazie ai testi di Cesare Cremonini, Max Pezzali, Vasco Rossi ed Eros Ramazzotti. Si trasferisce a Milano per studiare presso l’università di musica fondata da Franco Mussida della PFM. Qui…

michelangelo vood

Michelangelo Vood: “Rio nero” è un fiume di malinconia

Michelangelo Vood è un cantautore originario di Rionero in Vulture. Non a caso, “Rio Nero” è anche il titolo del suo Ep d’esordio. Un titolo che rimanda anche all’immagine di un fiume nero, un fiume denso di malinconie difficili da dissipare. Una soluzione? La musica. E così in sei brani, Michelangelo Vood ci racconta in…

Le nuove uscite questa settimana ce le chiede l’Europa

Ben ritrovati a questo nuovo appuntamento con il Weekly, il bollettino settimanale sulle nuove uscite. Quella che stiamo per semplificare è una settimana davvero ricca di tanta e nuova musica a cui prestare orecchio anche per il futuro. Cominciamo come di consueto dalla copertina: Dutch Nazari ha pubblicato “Ce lo chiede l’Europa”, un nuovo album…

Piccola guida galattica per indiependenti

Se volessimo scegliere una regione che più delle altre è stata terra natia di grandi artisti italiani, la scelta non potrebbe che cadere sull’Emilia Romagna. Guccini, Dalla, Vasco Rossi, Ligabue, Pierangelo Bertoli, Cesare Cremonini, Luca Carboni e tanti altri che hanno dato il loro contributo (in modi diversi) alla scena musicale italiana. E’ in questo…

rovere

rovere: la band bolognese che scrive tutto in minuscolo!

rovere è una band bolognese formatasi nel 2016 dalle idee di Nelson Venceslai, Luca Lambertini e Lorenzo Stivani. A soli due singoli pubblicati, “la pioggia che non sapevo” e “caccia militare”,senza usare nessuna maiuscola,  superano i 1.300.000 ascolti. rovere, su di voi si sa che siete una band della scena indie bolognese. Poi vuoto cosmico.…